lunedì 18 maggio 2009

Duathlon di Polpenazze

In passato mi era successo in diverse circostanze di ritenere un impegno abbastanza difficile e, per poterlo superare in maniera soddisfacente, la preparazione all'evento (non solo sportivo) era stata scrupolosa e alla resa dei conti mi era spesso accaduto di dire e pensare che le difficoltà non erano poi così elevate. Al contrario e come spesso accade, quando "sulla carta" si pensa che una prova sia senza grosse difficoltà, nel concreto ci si accorge che forse non è proprio così; tutto questo preambolo per dire che, quando avevo letto il programma del duathlon del 16 Maggio cioè 3000 mt di corsa + 10000 mtb + 1500 corsa avevo istintivamente pensato ad una competizione "facile". La gara si è svolta in un'assolato e caldo sabato pomeriggio con la partecipazione di circa 200 concorrenti di tutte le categorie e, dopo la gara dei bambini, è toccato a noi "big", come diceva lo speaker facendo sorridere la stragrande maggioranza dei presenti. Allo start cerco di seguire i primi e, dopo circa 7/800 metri sterrati mi rendo conto che sto andando troppo forte rispetto alle mie attuali possibilità, infatti dando un'occhiata veloce all'orologio vedo una media di 3'32"/Km; mentre sto pensando di rallentare un po' il ritmo, dietro una curva vedo una cosa che non avrei mai voluto vedere: una salita ripida che durerà circa un chilometro e che mi farà pentire più volte della partenza troppo veloce, a tale proposito dico solamente che a 1600 mt dal via ho la grossa tentazione di fermarmi e di mandare a quel paese me stesso, la corsa, la bici, il duathlon, lo sport in generale, ecc . Invece non so perchè ma non mi fermo e continuo a correre (piano), dopo qualche saliscendi inizia la discesa che porterà al primo cambio, al quale arrivo stravolto e durante il quale mi superano diversi concorrenti più svegli di me che avevano pensato bene di pedalare con le stesse scarpe usate per la corsa anzichè mettere quelle da mtb; in bici mi sento meglio, strano in quanto non sono assolutamente allenato, e riesco persino a guadagnare qualche posizione. Il percorso prevede pochissima pianura ed è tutto un saliscendi, mi impegno a tenere un buon ritmo (buono per me ma non certo elevato rispetto a chi si allena veramente in bici); alla fine dei 10 Km perdo nuovamente alcune posizioni nel cambio scarpe e mi rimetto a correre per l'ultimo chilometro e mezzo ; nonostante il ritmo non certo veloce ( ultimo tratto alla media di 4'41"/Km ), riesco a superare una decina di concorrenti che molto probabilmente erano ancora più provati del sottoscritto. Per concludere: esperienza positiva, ma per quanto mi riguarda da ripetere prendendola in maniera più "soft", se possibile magari su un percorso più lungo ma meno impegnativo dal punto di vista altimetrico.
Parziali:
corsa Km 3,58 media 4'28"/Km
bici Km 9,60 in 24' circa
corsa Km 1,54 media 4'41"/Km

8 commenti:

  1. beh, congratulazioni. il duathlon sprint è gara da sputare l'anima. hai ftto benissimo a farla e comunque ottimamente conclusa.

    sono tutte esperienze e l'anno prossimo ti vogliamo nelle gare che contano :)

    RispondiElimina
  2. Complimenti per il coraggio e anche per il risultato ottenuto

    RispondiElimina
  3. Oddìo, ho le ascelle pezzate dal sudore solo leggendo...ammirevole per la tenacia, complimenti!

    RispondiElimina
  4. che invidia !!! bravo.
    Ciaoooo

    RispondiElimina
  5. il duathlon è il mio sogno ... prima o poi farò questa esperienza anche io! Complimenti per la costanza!

    RispondiElimina
  6. Mò grande Rocha ..... e certo che è dura non avevo dubbi però deve essere esaltante arrivare in fondo, condiderala una prima esperienza piu' che positiva

    RispondiElimina
  7. Non mi piace il Duathlon però da come lo racconti mi sta venendo voglia di provarlo :-))

    Grande!

    RispondiElimina
  8. Beh, devo dire che su un percorso del genere e sopratutto in MTB..c'era da sentirsi abbastanza intimoriti al via..vista la sensazione buona in MTB direi che con una partenza meno forte avresti fatto un'ottimo finale, ma và bene così! e poi vuoi togliere la sorpresa improvvisa del salitone!! bellissima gara! ciao
    P.S. io avrei preferito rispetto agli altri concorrenti le scarpette da MTB anche se avrei perso qualcosa all'inizio..penso che si sarebbero recuperati e si sforza molto meglio e si evitano posizioni della gamba sbagliate durante lo sforzo..

    RispondiElimina